Blog: http://teoraventura.ilcannocchiale.it

Trentennale, un bilancio

Laviano, il monumento alle vittime del sisma


E’ trascorso anche questo Trentennale, e sembra già che i prossimi anniversari siano destinati a semplici momenti di routine della memoria, più istituzionale che popolare. Queste settimane sono state caratterizzate da un turbine di iniziative più o meno importanti, più o meno approfondite e diffuse in tutta la Campania e la Basilicata. Ogni comune ha creato un evento, uno o più convegni, più cerimonie, invitando questo o quel politico, inaugurando monumenti e lapidi. E’ anche difficile nel magma di appuntamenti individuare quelli che possono essere segnalati, così come deve essere stato difficile seguire una road map di eventi a cui valeva la pena di partecipare.

Personalmente ho passato i 15 giorni tra il 15 e il 30 novembre a girare per convegni e presentazioni del mio libro. Ho sentito molte cose su come sono andati questi 30 anni, molte volte agli antipodi, e ho ascoltato anche riflessioni semplici e spontanee di gente comune. Se la ricostruzione può dirsi un capitolo chiuso (secondo me è così), i conti con la memoria del terremoto non lo sono per niente, ci sono fratture e ferite ancora aperte e non è forse ancora l’ora di rapportarsi alla storia del terremoto con quella serenità di giudizio che sarebbe invece auspicabile.

Però abbiamo il dovere di archiviare, mettere in ordine e tramandare gli strumenti per conoscere la nostra storia recente, perché quelli che sono nati dopo il 1980 cominciano oggi a essere uomini, a presentarsi sulla scena pubblica delle nostre comunità (sempre se non fanno le valige per andare altrove).

Io ho anche parlato molto, nelle varie occasioni che si sono succedute sul calendario di eventi che avete potuto trovare in questo stesso blog. Ho detto più volte che raccontare il dolore non è facile, molte volte si isola il ricordo di quella sera di novembre dal contesto, lo si separa dagli errori commessi dopo, per colpe nostre o altrui. Ma la memoria è utile, per due motivi: perché insegna a convivere con il terremoto e, se è critica, per non commettere gli errori già compiuti in occasioni future.

Ecco un breve elenco di links sugli approfondimenti che si trovano sparsi in rete su questo 30ennale:

La Repubblica Napoli (foto, mappa interattiva, articoli)

La Città, Salerno

Altreconomia   un dossier - articolo su 219, industria e crisi attuale

Dossier Ansa

Dodici Magazine (Dodici, settimanale di approfondimento, con molte immagini di Teora)

Selacapo (un archivio di articoli e approfondimenti, curato dal blog di Caposele)


Pubblicato il 6/12/2010 alle 15.53 nella rubrica Terremoti e dintorni.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web