.
Annunci online

teoraventura
L'assistenzialismo è peggio della peste, perchè i malati sono contenti (Ettore Chirico).


Diario


12 marzo 2013

Coop e donne, il passato insegna

Dal Mattino dell'8 marzo 2013


“Vogliamo viaggiare, non emigrare” era lo slogan stampato su uno striscione che le ragazze della cooperativa  “La Metà del Cielo”, di Teora, portavano a varie manifestazioni e eventi subito dopo il terremoto del 1980. Lo slogan era ispirato da un film di Troisi, uscito proprio in quel periodo, “Ricomincio da tre”. Nel film il protagonista, Gaetano, sceglie di andar via dalla famiglia per fare nuove esperienze; ogni volta che qualcuno gli chiede da dove viene, e lui risponde che viene da Napoli, allora gli chiedono: “Emigrante”? e lui risponde di no, che vuole solo viaggiare, conoscere, chi l’ha detto che chi viene dal sud è per forza emigrante?

“Vogliamo viaggiare, non emigrare” è il titolo del libro che ho curato e che verrà presentato oggi 8 marzo a Teora (ore 17). Il libro nasce da una borsa di ricerca sui temi della cooperazione sociale promossa dalla Fondazione di Comunità Officina Solidale; la prefazione è a cura di Luisa Morgantini.

Oltre alla “Metà del Cielo” di Teora, dopo il terremoto nacquero, tra Irpinia e Basilicata, molte cooperative nel settore manifatturiero, nell’edilizia, in agricoltura e anche nel settore culturale e della ristorazione. Molti dei promotori di queste cooperative venivano dall’esperienza dei comitati popolari, altre esperienze nascevano dal confronto e dall’interazione quotidiana tra i giovani dei paesi  terremotati e i volontari. La “Metà del Cielo” nacque grazie alla spinta decisiva di Luisa Morgantini, allora sindacalista arrivata da Milano come volontaria e poi protagonista di una lunga serie di attività in campo politico, umanitario e sociale (è stata anche vicepresidente del Parlamento Europeo). Altre cooperative femminili nacquero a Conza della Campania (“La Verde Valle”), Sant’Angelo dei Lombardi (“Il Lucignolo”),  Santomenna (“La Spiga d’oro”), Rapone (“La Ginestra”), Nusco e Torella dei Lombardi. I primi tempi furono duri per queste ragazze, ma pian piano ci fu una vera e propria scoperta delle proprie possibilità, un percorso verso l’emancipazione attraverso il lavoro e l’apertura verso l’esterno.

Le cose cambiarono quando prese piede l’intervento industriale del doposisma, che intercettò una buona fetta dei finanziamenti statali destinati allo sviluppo delle aree terremotate.  C’è però da dire che molte di queste cooperative hanno avuto un ciclo di vita lungo (alcune sono ancora attive, anche se hanno cambiato denominazione), resistendo fino agli anni Duemila. Inoltre, le loro attività si collegavano spesso alla tradizione artigianale locale.

Dall’esperienza del passato emerge una suggestione che forse è utile anche oggi; in un momento di difficoltà  (il doposisma) si incrociarono destini e difficoltà, si incontrarono altre realtà, si provò a reagire.

Le ragazze di queste cooperative capirono che unendo le proprie forze, investendo sulla propria formazione e sulle proprie capacità e condividendo il rischio di impresa, si poteva immaginare un futuro nei propri paesi, senza per forza prendere la valigia e andarsene.

La cooperazione, come dicono i dati, è uno dei settori che ha accusato di meno la crisi degli ultimi anni, anzi, alcune imprese in sofferenza sono state rilevate dai dipendenti attraverso la costituzione di cooperative.

L’altro tema forte che emerge dallo studio è il fatto che le potenzialità di crescita e di rinascita devono per forza considerare i giovani e le donne come elemento cardine; l’Italia è al 74esimo posto su 134 paesi nella classifica che misura il divario di opportunità lavorative tra uomini e donne, e sappiamo quanto è grave la questione dell’occupazione giovanile. Solo colmando questo divario si può pensare a una ripartenza dell’economia


4 giugno 2009

Fine mandato per la nostra concittadina Luisa

Sabato e domenica si voterà per rinnovare il Parlamento Europeo. Sono quindi gli ultimi giorni di mandato per Luisa Morgantini, che è anche vicepresidente del Parlamento. In questa intervista a Noi donne Luisa fa un breve bilancio delle sue due legislature. Breve perchè per raccontare le cose che ha fatto Luisa in questi anni ci vorrebbero pagine e pagine di giornale e litri d'inchiostro. A Luisa va un affettuoso saluto e un ringraziamento sentito per quello che ha fatto, con la consapevolezza che ora che si è svincolata dagli impegni di rappresentanza che l'hanno portata in giro per il mondo, troverà più tempo per tornare a Teora, dai suoi cari concittadini.



Intervista a Luisa Morgantini*

Di Tiziana Bartolini

pubblicata su "Noi donne" – n. maggio 2009

"In questi dieci anni intensi credo di essere riuscita a non farmi ‘cambiare’ dall’istituzione, di non essermi fatta assorbire, di non aver cambiato il mio linguaggio, di aver mantenuto un costante rapporto con i movimenti attivi sui temi che da sempre mi interessano: diritti, disarmo, solidarietà, giustizia, nonviolenza".

Luisa Morgantini, alle soglie dei settanta anni, è alla fine della sua seconda e ultima legislatura nel Parlamento Europeo dove, eletta come indipendente dopo un passato nella FLM (Federazione Lavoratori Metalmeccanici) e nell’associazionismo pacifista (è stata portavoce dell’Associazione per la pace), si è distinta per la passione e la voglia di fare.

"Mi ha molto sorpreso e confesso mi ha fatto piacere il fatto di essere segnalata tra i primi dieci Europarlamentari in uno studio sul livello di attività. Io ho solo lavorato come credo sia giusto fare, quando si è eletti".

Lei ha anche ricoperto la carica di Vice Presidente del Parlamento Europeo. Come è riuscita ad essere nominata?

Sono i gruppi politici a designare i Vice Presidenti ed il mio gruppo mi ha scelta; è stata particolare la quantità di voti trasversali che ho ricevuto e anche l’aver avuto come incarico la strategia Ue-Africa e i Diritti Umani. Non era mai successo ad un Vice Presidente del mio gruppo politico. Il leit-motiv è stato “non la pensiamo come te, ma riconosciamo il tuo valore”.  La Vicepresidenza con incarico per l’Africa è stata una nomina importante, inaspettata. Ma ho subito organizzato una settimana di cultura africana, per rompere gli stereotipi di un’Africa solo devastata e devastante e mostrare invece la cultura vibrante della sua società civile.

Di fronte a questi prestigiosi risultati perchè rinunciare ad una nuova candidatura?

Fin dall’inizio era stato deciso che io facessi due legislature e ritengo molto importante che ci sia una rotazione tra i parlamentari, quindi nessuna eccezione; è ovvio che un po’ mi dispiace, ma ho 69 anni, penso che sia bene lasciare quando ti dicono di restare.

Se dovesse fare un bilancio di questi dieci anni nell’Europarlamento, quali passaggi valorizzerebbe ?

E’ stato importante aver portato all’attenzione del Parlamento Europeo, in modo molto forte e organizzato, la questione Palestina-Israele. Nella prima legislatura ero presidente della delegazione per le relazioni con il Consiglio legislativo palestinese e ho lavorato molto affinché il Consiglio dell’UE se ne occupasse non solo formalmente attraverso la Commissione esteri, ma ponendo tale questione al centro delle priorità. Con quello spirito ho organizzato continue visite e scambi tra Bruxelles e i pacifisti israeliani e palestinesi ed è stato significativo nel 2002 che il Parlamento Europeo abbia assegnato il Sakharov Price alla Presidente dell'associazione Parent’s Circle, l’israeliana Nurit Peled, e allo scrittore palestinese Izzat-al- Ghazzawi. Mi sono impegnata affinché l’Unione Europea ricoprisse un ruolo più politico, sono state votate alcune importanti risoluzioni in cui si richiede ad Israele di adempiere ai suoi obblighi internazionali, di smetterla con le punizioni collettive e l’occupazione militare e allo stesso tempo si chiede anche alle frange estreme dei Palestinesi di fermare ogni azione armata  contro la popolazione civile israeliana.

Altro passo importante è stato fare in modo che nella Commissione Sviluppo -di cui facevo parte- si portasse avanti una politica commerciale coerente con gli aiuti ai Paesi in Via di Sviluppo e gli aiuti fossero slegati da ogni spesa militare; inoltre, sempre in ambito di cooperazione allo sviluppo, le iniziative per ridurre malattie come la malaria e tubercolosi e i progetti per vincere l’AIDS. Come Presidente della Commissione Sviluppo ho intrapreso scelte significative nella politica congiunta di sviluppo tra Parlamento, Commissione europea Consiglio dei Ministri europei.  Per la prima volta ho riunito i Parlamenti nazionali europei per avere una visione coordinata e stabilito riunioni periodiche con tutte le ONG; ho ricordato la Giornata della lotta contro la povertà circondando tutto l’emiciclo del Parlamento Europeo con la fascia bianca che ne è simbolo. Nel mese di giugno - ogni anno  e spero che verrà portata avanti anche quando non sarò più al PE, viene dedicata una giornata al diritto all’istruzione per la gioventù africana, in ricordo dei due giovani ragazzi della Guinea trovati morti nella stiva di un aereo arrivato a Bruxelles e partito dall’Africa: in un messaggio avevano scritto "Vogliamo studiare, vi chiediamo di aiutarci".

Nonostante questo lavoro, così impegnativo e rigoroso, l’Europa continua ad essere lontana dal sentire della gente. Perchè secondo lei?

Gli Europarlamentari non fanno abbastanza per far capire quanto le politiche europee incidano nella vita quotidiana dei cittadini, anche perchè l’Europarlamento -in alcuni ambiti - ha poteri legislativi sempre maggiori. Non privi di responsabilità sono anche i media che, invece di dare notizie sulle attività svolte, disinformano facendo le classifiche dei ‘buoni e cattivi’ o parlando delle presenze e degli stipendi. A questo proposito voglio precisare che certamente è un privilegio fare l’Europarlamentare, ma che lo stipendio netto è di 6.972 euro. Gli altri compensi sono destinati a pagare gli assistenti, che sono bravi studiosi specialisti, indispensabili per svolgere le attività, e che è offensivo definire ‘portaborse’. Comunque va detto che se è vero che il Parlamento Europeo sembra lontano e anche vero che tra i giovani l’Europa è un dato di fatto: ci si muovono liberamente, c’è l’Erasmus.

Il suo percorso politico e umano è un intreccio indissolubile. Dal sindacato a Bruxelles passando per il femminismo il suo obiettivo è sempre stato la difesa dei diritti. Con una particolarità: dialogo, mediazione. In questo modo di agire ha avuto più influenza l’esperienza sindacale o con le donne?

Non basta essere femminista per essere trasversale e mediare, ci sono diversi femminismi in alcuni vi è spesso una rigidità che non lo rende accogliente. Direi che nel mio approccio ci sono diverse componenti. Penso sia stato fondamentale il lavoro nel Sindacato, così come  è stato importante il percorso con le Donne in Nero, movimento che ho contribuito a fondare, sulla de-costruzione della figura del nemico e la costruzione di relazioni con le donne nei luoghi di conflitto. Il passaggio alla cultura della non violenza, assunta come modo di essere e di vivere nei rapporti, non è stato facile. Ha richiesto un lavoro intenso. Poi c’è un dato caratteriale: sono naturalmente contro barriere muri e confini, amo il mondo e mi sembra di essere ferma nei miei propositi ma accogliente. Amo le persone e anche gli animali e anche il cielo e la terra e l’acqua e il fuoco.....

Quali sono i suoi progetti per il futuro ?

Tornerò ad occuparmi del movimento per la pace  e dei diritti umani violati in Italia e nel mondo. Vorrei imparare l’arabo e stare qualche mese in Palestina, poi  come ho fatto durante tutto il mandato parlamentare - sia per le persone interessate che per gli Europarlamentari di tutti i partiti - continuerò ad organizzare viaggi di conoscenza e solidarietà in Palestina e Israele.  Ma mi dedicherò del tempo per leggere, per scrivere, per ritrovare amiche ed amici  ed accarezzare i miei due gatti, Lulu e Paco.

* Vice Presidente del Parlamento Europeo

 

luisa.morgantini@europarl.europa.eu; www.luisamorgantini.net;



23 novembre 2008

23 novembre 2008 a Teora




Conferimento della cittadinanza onoraria a

Luisa Morgantini (vicepresidente del Parlamento Europeo)

Domenica 23 novembre 2008

Teatro Europa, ore 9 e 30

Per l'anniversario del terremoto ho scritto qualcosa anche QUI, QUI QUI.

Per vedere le foto della cerimonia andate su FACEBOOK.


23 dicembre 2007

Buone feste

 

I Re Magi saranno bloccati : non c'è entrata a Betlemme!
...eppure di notte, le stelle passano al di là del grande muro...


sfoglia     dicembre        aprile
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
altra irpinia
sto leggendo...
Terremoti e dintorni

VAI A VEDERE

NON SEMBRAVA NOVEMBRE QUELLA SERA
TERREMOTO IRPINIA-Storia e memoria
TU SI NAT IN ITALY
Officina Solidale
Osservatorio sul Doposisma
Fondazione Mida
ORENT
Storia e futuro
Antonello Caporale
G. Silei
AISO Italia
Lavoro culturale
Volontariato oggi
le terre che tremarono (Belìce)
Tiere Motus- Friuli 1976
Napoli monitor
Spinoza
Doctor Brand
pearl jam
PRO LOCO TEORA
NUOVO MILLENNIO
Roberto Rotonda blog
Amici della bici
orizzonte scuola
siena news
ottopagine
il mattino
corriere irpinia
ALTirpinia
Il Ciriaco
il portale di teora
Bradipo Nevrotico
flyfra-giokoliere
palio
storia di lioni
L'alambicco di S. Cesario
SE la Capo
Piccoli paesi
Comunità Provvisorie


 

Chi sono

 
 

file:///C:/Users/Stefano/Desktop/vogliamo_viaggiare.jpg

 

Stefano Ventura

Non sembrava novembre quella sera.

Il terremoto del 1980 tra storia e memoria

2a edizione

Mephite

COMPRALO ONLINE

IL BLOG DEL LIBRO

Vogliamo viaggiare non emigrare_Ventura.jpg

 

 
 

SISMOGRAFIE.

Tornare all'Aquila 1000 giorni dopo il sisma

 

 

 

 

Teoraventura

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

 

 

  

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

http://www.wikio.it

 

  

 

Contributi sparsi

I terremoti italiani e la Protezione Civile

Il terremoto del 1980. Storiografia e memoria

30 anni di terremoti italiani

Irpinia 1980, viaggio nel terremoto

L'emergenza e i soccorsi, dalle memorie alla Protezione civile

Le industrie, 30 anni dopo 

Il lavoro in Irpinia negli anni del terremoto

I comuni del terremoto dalla ricostruzione al futuro

I ragazzi dell'Ufficio di Piano. La ricostruzione urbanistica in Irpinia

Semiseria analisi lessicale di un disastro naturale (prefazione)

I confinati in Irpinia durante il fascismo

Le industrie del dopo terremoto in Campania e Basilicata

OkNotizie 

 

Gli Angeli Del Terremoto_Stefano Ventura_2010

Le Industrie Del Dopoterremoto_Stefano Ventura

L'Irpinia, la Crisi e lo spopolamento

Wikio - Top dei blog

CERCA