.
Annunci online

teoraventura
L'assistenzialismo è peggio della peste, perchè i malati sono contenti (Ettore Chirico).


Diario


13 marzo 2010

La terra è inquieta

Sul nuovo numero di Nuovo Millennio, la rivista che il Forum dei Giovani di Teora pubblica con grande dedizione e grandi ostacoli, è uscito un mio pezzo sui terremoti recenti e sullo scenario che si prospetta per il trentennale dell'Irpinia. In attesa di nuove segnalazioni che spero di poter fare presto, leggetevi questo. Comprate,sostenete, abbonatevi al giornale.



 


  

 

Le terribili immagini del terremoto che ha distrutto Haiti il 12 gennaio hanno riportato d’attualità la tremenda potenza distruttrice della Natura, che ha colpito uno degli stati più poveri del continente americano. Il segretario generale dell’ONU ha affermato che questo potrebbe essere la peggior crisi umanitaria che l’organizzazione si sia trovata a dover fronteggiare nell’arco di molti decenni. Probabilmente non si saprà mai il numero certo delle vittime di questo terremoto, verificatosi in un’area in cui abitavano circa 3,5 milioni di persone, la maggior parte delle quali vivevano nella miseria.
In questa tragedia noi teoresi siamo stati coinvolti ancor più direttamente poiché la prima vittima italiana riconosciuta, Gigliola Martino, era originaria proprio di Teora; molte altre famiglie (Cappuccio, Caprio, Sperduto, Vitiello) erano presenti e attive nell’isola dal punto di vista economico e commerciale fin dagli inizi del ‘900. Proprio per la loro attività imprenditoriale nel settore della produzione di PVC (tubi in plastica, bicchieri) la famiglia Martino era diventata una delle più importanti dell’isola, dando lavoro a circa 5 mila persone; anche il cognato di Gigliola Martino, Mario Caprio, era conosciuto e ricordato per la sua attività di medico chirurgo e per la sua clinica, dove venivano curati gratuitamente i più poveri.
 Al momento in cui scrivo si nutrono forti preoccupazioni anche per la sorte di Antonio Sperduto, rimasto sotto le macerie del supermercato di cui era responsabile.
Nel 2004 era stato lo tsunami del Sud-est asiatico a mostrare analoghe scene di disperazione, poi l’uragano Katrina nel 2005 e altri disastri, fino ad arrivare al sisma dell’Abruzzo del 6 aprile 2009; tutti eventi che possono essere inseriti nella categoria di catastrofi naturali. Lo studioso svizzeroMax Frisch ha scritto, però, che “la Natura non conosce catastrofi”; i terremoti, le pioggie torrenziali e gli uragani sono fenomeni naturali, noi misuriamo i loro effetti distruttivi nel rapporto con le comunità umane. Restando nel settore dei terremoti, quindi, la costruzione di strutture antisismiche e il corretto addestramento dei cittadini possono evitare o limitare al massimo il numero di vittime e  le precauzioni adottate in alcune regioni della California e del Giappone testimoniano questa verità.
Sono diverse le iniziative e i progetti che stanno mettendosi in moto nella nostra zona per commemorare il trentesimo anniversario del terremoto del 1980. Il CIMA (Centro Irpino per l’Innovazione e il Monitoraggio Ambientale) con sede a Sant’Angelo dei Lombardi, ha intenzione di allestire una mostra permanente sul terremoto, coinvolgendo i diversi paesi che poi svilupperanno diversi temi e iniziative in maniera coordinata. In provincia di Salerno, a Pertosa, è già attivo un “Osservatorio sul doposisma” che opera nel campo della ricerca e della documentazione presso la fondazione MIDA. Un regista della Rai sta preparando un documentario che riguarda l’intervento dei militari tedeschi a Teora dopo la scossa e nel corso dell’anno usciranno diverse pubblicazioni, film e spettacoli teatrali sul terremoto. Anche l’immancabile facebook si sta riempiendo di gruppi che hanno intenzione di commemorare quell’evento.
In questa sede mi occuperò di alcune considerazioni che partono dal settore di cui mi occupo (la storia contemporanea) e dagli studi che ho realizzato negli ultimi anni sul tema delle conseguenze storico - sociali del terremoto, prima per la mia tesi di laurea, poi per la tesi di dottorato e altri saggi e ricerche.
Il primo argomento che illustrerò in relazione ai trent’anni del dopo terremoto è quello della memoria. Il concetto stesso di memoria è difficile da interpretare, per la sua straordinaria importanza culturale e anche sociale, di comunità. Si pensi all’importanza di un tema come la memoria dell’evento sismico; proprio per la sua imprevedibilità e il suo essere spartiacque tra un prima e un dopo, quel momento lascia segni profondi in chi vi sopravvive. Recentemente la storiografia ha sondato i terreni del racconto e della testimonianza dei sopravvissuti ai bombardamenti della seconda guerra mondiale  oppure alle stragi di civili o alle violenze sui civili avvenute dopo l’8 settembre 1943, oltre alla memoria dell’olocausto, su cui è stato scritto già molto.Anche una trasmissione radiofonica, curata da Marcello Anselmo e trasmessa da Radio3 Rai, ha usato le testimonianze dei sopravvissuti per raccontare il dopo terremoto in Irpinia e a Napoli.
 Quindi, il ricordo di un evento che è simbolicamente potente ed evocativo, come il terremoto, è sicuramente un terreno d’indagine importante per lo storico. Chiunque abbia parlato con un sopravvissuto al terremoto del 23 novembre 1980 si è reso conto che tutti ricordano perfettamente, nei minimi dettagli, cosa stessero facendo quella sera; raccontare, poi, la sofferenza e il dolore di quei momenti richiede un difficile sforzo comunicativo ed emotivo. Dobbiamo però renderci conto che raccontare, recuperare la memoria e le memorie di quella sera è cruciale sia per trasmetterle alle nuove generazioni e non farle scivolare nell’oblìo, sia per prevenire e saper affrontare catastrofi future, essendo il nostro territorio fortemente sismico. Dalle tragedie, insomma, bisognerebbe imparare e non solo trarre lo spunto per polemizzare. Dopo un forte coinvolgimento emotivo di tutta la popolazione italiana nei primi giorni dopo il 23 novembre 1980, cui contribuì la significativa mole di immagini e testimonianze diffuse dalla televisione, il terremoto dell’Irpinia è ritornato all’attenzione pubblica in seguito ad alcune inchieste giornalistiche pubblicate negli ultimi anni del decennio Ottanta - Novanta. Le inchieste chiamavano direttamente in causa molti politici di rilievo nazionale e originari delle zone terremotate. Ancora oggi, quindi, il richiamo all’Irpinia vuol dire per l’opinione pubblica ricordare le terribili immagini di distruzione e disperazione, ma anche l’implicito riferimento a sprechi, ruberie e malaffare diffusosi in quegli anni. Anche di recente, in occasione del terremoto dell’Abruzzo, l’Irpinia è stata utilizzata come esempio negativo in assoluto di tutte le ricostruzioni e i disastri italiani. Non ci sono stati tentativi di approfondire le vere cause, i processi e le dinamiche di lungo periodo, le vere responsabilità degli errori commessi in quella ricostruzione, né c’è stato accenno ai risvolti positivi della ricostruzione.
Per evitare che anche l’occasione del trentennale sposti l’attenzione solo sulla polemica, è cruciale che le comunità terremotate recuperino e trasmettano la propria memoria, con iniziative proprie e di largo respiro, soprattutto per una forma di rispetto alle migliaia di morti che i nostri paesi hanno sacrificato per concedere, poi, all’Italia intera una moderna organizzazione della Protezione civile (è in quegli anni, infatti, che si posero le basi per la legge che istituiva la Protezione Civile come oggi la conosciamo).
Invece sembra che gli abitanti dei paesi terremotati tendano a guardare a quell’evento con rassegnazione, come una grande occasione persa e l’ennesima sconfitta subìta in maniera fatalista. Ed e così che la storia della ricostruzione in Irpinia viene raccontata molto più spesso con i mezzi e i metodi della polemica giornalistica che con gli strumenti dell’analisi e della conoscenza storica. Siamo ancora in tempo, come comunità, per tentare questa operazione rivolta al futuro e alla verità, in modo obiettivo e non consolatorio, senza aspettare che siano altri a raccontarci, dall’esterno, la nostra storia.
Questa è una delle sfide che il trentennale pone.

 

 

 




9 febbraio 2010

Per chi si muove

                                                         



Sulla strada di accesso al parco della Grancia, a Brindisi di Montagna, Potenza, c’è una grossa scritta su un muro, ben visibile all’altezza di un tornante. Recita così: “O emigranti o briganti”. Il parco della Grancia è famoso perché nei mesi di luglio e agosto vi si mettono in scena spettacoli proprio sul brigantaggio, in uno scenario naturale suggestivo e in quelle che furono terre di brigantaggio.

Ci sono due temi ineludibili per chi come me cerca di capirci qualcosa dell’Irpinia, delle aree interne della Campania e della Basilicata: l’emigrazione e il terremoto. Il secondo di questi è sempre presente su queste pagine, per ovvi motivi di interesse personale. L’altro ritorna di tanto in tanto, è implicito in molti discorsi ed è nella stessa natura di questa blog, che ha la parola Teora nel nome ma è gestito a 500km di distanza.

Ho monitorato molto attentamente le visite di questo blog nell’ultimo mese ( a proposito, il 15 gennaio è stata la data di maggior accesso di sempre per Teoraventura, grazie!) e con la tragedia di Haiti le visite sono aumentate, ho cercato di fare un lavoro di informazione semplice e di servizio. Mi sono reso conto di quanto è larga la famiglia dei “figli di Teora” (scusate l’espressione retorica) sparsi per il mondo: Haiti, USA, Venezuela, Germania, Belgio e soprattutto Svizzera. Ho avuto modo, nei concitati ultimi dieci giorni, di verificare di persona cosa vuol dire vivere e purtroppo anche morire da emigrati in terra straniera . Ho riflettuto sulla straordinaria capacità che gli emigrati dal Sud hanno avuto di affermarsi fuori dall’Italia (e se permettete anche oggi, in Italia stessa, noi, nuovi emigranti 2.0). La buona immagine di valige di cartone, di treni e pullman stracolmi, i ritorni con le soppressate e provoloni, di conserve sottolio e di passaporti con volti fin troppo eloquenti porta a pensare all’oggi, ai nostri trolley, ai cellulari per avvertire casa che sei arrivato, alle compagnie di autobus strozzine che speculano sugli studenti e sui pendolari.

Gli anni ’50 e i primi anni ’60 hanno svuotato Teora, Laviano, Conza etc.. Gli anni Zero hanno portato via le residue speranze di un Sud protagonista, il Sud che oggi è terra di nessuno, il Sud di Rosarno, di Bassolino che sbaglia tutto quello che si può sbagliare, di ospedali che chiudono e dove sono aperti fanno schifo. Si, ci sono anche aspetti positivi di Sud, e io di recente ne ho apprezzati alcuni.

Io però sento un profondo senso di abbandono umano per la mia generazione, lo vedo nei mesi estivi, quando per "gli svizzeri" si addobbano i giardinetti che il resto dell’anno sono pieni di merde di cani, oppure i bus organizzati per venire a votare parenti e sindaci ammiccanti.

Una cosa c’è da riconoscere agli emigrati degli anni '50 e '60: la profonda dignità, quella che viene dal sudore della fronte, dal partire quasi sempre da zero, dalle radici mai tagliate. Io però vedo, oggi, l’affievolirsi di un legame che il tempo sta logorando.

La nuova emigrazione è tema di dibattito sempre, per i politici locali.L’ho detto e lo ripeto: secondo me, Noi Emigranti 2.0 non siamo un problema, siano una risorsa, così come sono sempre stati gli emigrati. Tenetene conto.


15 gennaio 2010

HAITI: E' TEORESE LA PRIMA VITTIMA ITALIANA


 

 

22 gennaio

Domani, a Teora, consiglio comunale straordinario per commemorare i concittadini morti nel terremoto di Haiti. Sono state invitate tutte le più importanti autorità.

La notizia sul Mattino di oggi

20 gennaio

Sospese le ricerche al Caribbean supermarket. La speranza di ritrovare in vita altre persone era ridottissima e si metteva a rischio l'incolumità dei soccorritori. Salgono, per ora ufficiosamente, a due i morti di origine teorese, Antonio Sperduto e Gigliola Martino.

La notizia su Irpinianews

19 gennaio


Ancora non ci sono certezze sulla sorte di Antonio Sperduto, coinvolto nel crollo del supermarket di sua proprietà a Port au Prince.

La notizia su OTTOPAGINE
(il quotidiano sta facendo un ottimo lavoro di informazione, con le notizie più aggiornate)

La notizia su Irpiniaoggi

A Teora parenti e amministratori si sono attivati per avere notizie da Haiti, per portare aiuto ai teoresi sopravvissuti e attivare progetti di solidarietà per il dopo terremoto.


15 gennaio

Il terribile terremoto che ha colpito HAITI e la sua capitale Port au Prince coinvolge ancor più direttamente la comunità teorese; Gigliola Martino, 70 anni, teorese emigrata già da anni nell'isola, è morta in seguito alle ferite riportate dopo il crollo della sua casa. La comunità teorese ad Haiti è cospicua, esistono alcune famiglie di imprenditori e commercianti come i Caprio, i Vitiello, i Cappuccio e i Martino, che si occupano di scarpe e pelletterie oltre ad avere interessi nel campo della finanza.
Gigliola aveva subito due rapimenti, l'ultimo dei quali, nel 2006, si era concluso con l'uccisione del marito Guy.
Sembra una beffa del destino, partire da una terra fortemente sismica, già martoriata dal sisma del 1980, e andare a trovare la morte in un altro continente.
Teora è vicina alle famiglie di emigrati che vivono ad Haiti e alle altre vittime di questa catastrofe.



La notizia su Irpinianews.

La notizia sul Corriere dell'Irpinia.

La notizia su Ottopagine (che cita anche un'altra possibile vittima e altri 4 teoresi in salvo)

L'articolo del Mattino di oggi che parla della vicenda.

Altre notizie nei commenti.
 

sfoglia     febbraio        aprile
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
altra irpinia
sto leggendo...
Terremoti e dintorni

VAI A VEDERE

NON SEMBRAVA NOVEMBRE QUELLA SERA
TERREMOTO IRPINIA-Storia e memoria
TU SI NAT IN ITALY
Officina Solidale
Osservatorio sul Doposisma
Fondazione Mida
ORENT
Storia e futuro
Antonello Caporale
G. Silei
AISO Italia
Lavoro culturale
Volontariato oggi
le terre che tremarono (Belìce)
Tiere Motus- Friuli 1976
Napoli monitor
Spinoza
Doctor Brand
pearl jam
PRO LOCO TEORA
NUOVO MILLENNIO
Roberto Rotonda blog
Amici della bici
orizzonte scuola
siena news
ottopagine
il mattino
corriere irpinia
ALTirpinia
Il Ciriaco
il portale di teora
Bradipo Nevrotico
flyfra-giokoliere
palio
storia di lioni
L'alambicco di S. Cesario
SE la Capo
Piccoli paesi
Comunità Provvisorie


 

Chi sono

 
 

file:///C:/Users/Stefano/Desktop/vogliamo_viaggiare.jpg

 

Stefano Ventura

Non sembrava novembre quella sera.

Il terremoto del 1980 tra storia e memoria

2a edizione

Mephite

COMPRALO ONLINE

IL BLOG DEL LIBRO

Vogliamo viaggiare non emigrare_Ventura.jpg

 

 
 

SISMOGRAFIE.

Tornare all'Aquila 1000 giorni dopo il sisma

 

 

 

 

Teoraventura

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

 

 

  

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

http://www.wikio.it

 

  

 

Contributi sparsi

I terremoti italiani e la Protezione Civile

Il terremoto del 1980. Storiografia e memoria

30 anni di terremoti italiani

Irpinia 1980, viaggio nel terremoto

L'emergenza e i soccorsi, dalle memorie alla Protezione civile

Le industrie, 30 anni dopo 

Il lavoro in Irpinia negli anni del terremoto

I comuni del terremoto dalla ricostruzione al futuro

I ragazzi dell'Ufficio di Piano. La ricostruzione urbanistica in Irpinia

Semiseria analisi lessicale di un disastro naturale (prefazione)

I confinati in Irpinia durante il fascismo

Le industrie del dopo terremoto in Campania e Basilicata

OkNotizie 

 

Gli Angeli Del Terremoto_Stefano Ventura_2010

Le Industrie Del Dopoterremoto_Stefano Ventura

L'Irpinia, la Crisi e lo spopolamento

Wikio - Top dei blog

CERCA