.
Annunci online

teoraventura
L'assistenzialismo è peggio della peste, perchè i malati sono contenti (Ettore Chirico).


Diario


16 giugno 2013

De Sanctis (1874)

" La lotta, qui come in molti altri luoghi d'Italia, piuttosto che da principi politici, fermamente stabiliti, conosciuti e accettati, è ispirata da aderenze, da parentele, da satellizii operanti per le lotte municipali amministrative, da clientele, o sudditanze, da affetti locali e da interessi - ma soprattutto da interessi.

Perchè non è l'ultima delle sventure italiane questa, che lo Stato (e adesso anche la Provincia e, se non rimedia, il Comune) sia considerato generalmente come la Cassa della beneficienza, il gran dispensiere di favori, e il deputato del Parlamento il sollecitatore e il dispensiere di seconda mano".

Francesco De Sanctis

La Gazzetta di Avellino

14 ottobre 1874


4 febbraio 2011

seconda edizione



Da oggi sarà disponibile la seconda edizione del mio libro.



Ringrazio tutti i miei lettori, che dal 15 novembre ad oggi hanno acquistato, sostenuto, pubblicizzato il mio lavoro.


Un particolare ringraziamento ai miei compaesani, i teoresi, che hanno dimostrato attenzione e affetto nei miei confronti. Spero di aver dato il mio contributo a costruire un pezzettino di memoria collettiva della nostra comunità.


Una precisazione va fatta: le copie fin qui distribuite sono state 500. Gli unici soggetti istituzionali che hanno sostenuto il libro sono il comune di Avellino e l'Archivio Storico della Camera del Lavoro CGIL di Avellino.

Nessun altro comune, men che meno quello di Teora, ha deciso di acquistarne copia per le biblioteche, per le scuole, per archivi etc.

Naturalmente c'è tutto il tempo per farlo, i tempi istituzionali sono drammaticamente lenti, in particolare dalle nostre parti.
Anche la motivazione economica non regge: il libro costa 13 euro, e di solito i comuni spendono ben altre cifre per altre iniziative (anche a Teora è avvenuto di recente per il libro di proverbi a cura del prof. Racioppi, iniziativa lodevole e condivisibile).

Per il mio libro non ho chiesto patrocini e contributi perchè questo lo avrebbe inevitabilmente legato a una committenza e quindi ne avrebbe condizionato il valore complessivo.

Questo permette comunque di essere ancor più soddisfatto del risultato: il mio libro ha camminato sulle sue gambe, senza sostegni istituzionali a monte, senza sponsor politici, senza padrini. La consapevolezza di aver fatto tutto da solo, con il sostegno di pochi e splendidi amici, che ringrazio, rende tutto questo ancora più soddisfacente.


Però un pensiero, che si collega anche all'articolo precedente, quello sull'emigrazione, viene da fare: se, di fronte a chi vuole dare il proprio umile contributo alla sua terra, la risposta delle istituzioni e di chi ha responsabilità amministrative  è questa, la prima reazione, quella naturale è: chi me lo fa fare?


Francesco De Sanctis, nel 1860, diceva: chi non ha santi, non va avanti.  


Per fortuna c'è sempre una seconda reazione, che è quella di chi vuole insistere, con "il pessimismo della ragione e l'ottimismo della volontà".

sfoglia     aprile        agosto
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
altra irpinia
sto leggendo...
Terremoti e dintorni

VAI A VEDERE

NON SEMBRAVA NOVEMBRE QUELLA SERA
TERREMOTO IRPINIA-Storia e memoria
TU SI NAT IN ITALY
Officina Solidale
Osservatorio sul Doposisma
Fondazione Mida
ORENT
Storia e futuro
Antonello Caporale
G. Silei
AISO Italia
Lavoro culturale
Volontariato oggi
le terre che tremarono (Belìce)
Tiere Motus- Friuli 1976
Napoli monitor
Spinoza
Doctor Brand
pearl jam
PRO LOCO TEORA
NUOVO MILLENNIO
Roberto Rotonda blog
Amici della bici
orizzonte scuola
siena news
ottopagine
il mattino
corriere irpinia
ALTirpinia
Il Ciriaco
il portale di teora
Bradipo Nevrotico
flyfra-giokoliere
palio
storia di lioni
L'alambicco di S. Cesario
SE la Capo
Piccoli paesi
Comunità Provvisorie


 

Chi sono

 
 

file:///C:/Users/Stefano/Desktop/vogliamo_viaggiare.jpg

 

Stefano Ventura

Non sembrava novembre quella sera.

Il terremoto del 1980 tra storia e memoria

2a edizione

Mephite

COMPRALO ONLINE

IL BLOG DEL LIBRO

Vogliamo viaggiare non emigrare_Ventura.jpg

 

 
 

SISMOGRAFIE.

Tornare all'Aquila 1000 giorni dopo il sisma

 

 

 

 

Teoraventura

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

 

 

  

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

http://www.wikio.it

 

  

 

Contributi sparsi

I terremoti italiani e la Protezione Civile

Il terremoto del 1980. Storiografia e memoria

30 anni di terremoti italiani

Irpinia 1980, viaggio nel terremoto

L'emergenza e i soccorsi, dalle memorie alla Protezione civile

Le industrie, 30 anni dopo 

Il lavoro in Irpinia negli anni del terremoto

I comuni del terremoto dalla ricostruzione al futuro

I ragazzi dell'Ufficio di Piano. La ricostruzione urbanistica in Irpinia

Semiseria analisi lessicale di un disastro naturale (prefazione)

I confinati in Irpinia durante il fascismo

Le industrie del dopo terremoto in Campania e Basilicata

OkNotizie 

 

Gli Angeli Del Terremoto_Stefano Ventura_2010

Le Industrie Del Dopoterremoto_Stefano Ventura

L'Irpinia, la Crisi e lo spopolamento

Wikio - Top dei blog

CERCA